Niente può fermarci – Incontro con il cast e il regista Luigi Cecinelli « Interviste « cineMania

Niente può fermarci – Incontro con il cast e il regista Luigi Cecinelli

VN:F [1.9.7_1111]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Clicca qui per andare alla fonte di questo articolo.

niente-puo-fermarci-set-620x350

Quattro ragazzi in vacanza, in viaggio verso il paradiso di ogni adolescente vicino all’età adulta, Ibiza. Non ci sarebbe nulla di così strano se i quattro nello specifico non fossero pazienti in fuga da una clinica, affetti da patologie alquanto ingombranti: dalla fissazione con l’igiene e la paura del contato umano fino alla narcolessia, alla dipendenza da Internet e alla sindrome di Tourette, che porta a pronunciare involontariamente volgarità accompagnate da diversi tic fisici. Questi i protagonisti di Niente può fermarci: commedia diretta da Luigi Cecinelli e da lui scritta a quattro mani con Ivan Silvestrini, volta a raccontare con leggerezza ma anche tenerezza il percorso di formazione di questi personaggi un po’ speciali, alle prese con una diversità che da ostacolo deve trasformarsi in marcia in più.

niente può fermarci

“Quella con Ivan sulla sceneggiatura è stata una collaborazione bella e divertente” ha detto oggi il regista, presentando il film a Roma, alla stampa. Cecinelli ha dunque rivelato alcuni dettagli del casting, per cui sono stati contattati tanti ragazzi, ma che ha visto prima di tutti l’entrata a bordo di  Vincenzo Alfieri, nel ruolo del ragazzo incapace di controllare tic e insulti dispensati a prescindere dalla sua volontà. “Abbiamo ancora il provino con le nostre risate di sottofondo”, ha specificato Cecinelli, raccontando anche della selezione di , di  Federico Costantini, “che solitamente fa il bello e dannato, mentre stavolta gli abbiamo chiesto di fare uno sfigato con manie”, e poi  dell’ “insospettabile” Guglielmo Amendola, che non proveniva affatto dal mondo dello spettacolo bensì da quello del calcio. Nel ruolo dei genitori dei rispettivi ragazzi hanno invece partecipato al film  , , Gianmarco Tognazzi e Paolo Calabresi, cui vanno ad aggiungersi anche i nomi, in tre cammei, di , e Lucia Ocone. Un cast molto ricco, che per il regista è stato come vedere “esaudita la mia lista dei desideri di Natale, con attori così bravi che non si riusciva quasi a dare lo stop per il piacere di vederli in scena”. Quella con Depardieu, in particolare, è stata una collaborazione nata quasi per caso, con Cecinelli che ammette di aver pensato subito all’interprete senza però sperare davvero di vederlo comparire davanti alla propria macchina da presa.

niente-puo-fermarci-gerard-depardieu-in-una-scena-del-film-275255_mid

L’attore francese, al contrario, non solo ha partecipato alle riprese, ma è stato anche a contatto con uno dei giovani protagonisti, Emanuele Propizio, che ha apprezzato molto l’opportunità nonostante gli sia costata il consumo di diversi bicchieri non troppo gradevoli di succo di mirtillo, paragonabile al vino solo nella finzione filmica. Guglielmo Amendola, invece, ha rimarcato come si sia tratto di una bella esperienza, soprattutto dal punto di vista di un “esterno” come lui: “Ho avuto la possibilità di conoscere molte persone che prima avevo visto solo in televisione e al cinema, è stato fantastico e spero, con grande umiltà, di poter continuare”.  Per quanto riguarda il personaggio fissato con la pulizia, Costantini ha detto di esserci entrato in contatto sfruttando la sua enorme fobia per gli insetti: “Preferirei affrontare un coccodrillo che una vespa”, ha sottolineato, spiegando come ciò gli sia servito per rappresentare tutte le altre paure del suo personaggio.  Sul proprio ruolo, Alfieri ha precisato infine che “la sindrome di Tourette ha molte sfaccettature, nel film si è cercato di scegliere quelle più colorate, che possono strappare una risata, nonostante l’approccio alla parte sia stato molto serio e abbia richiesto grande approfondimento”.

niente-puo-fermarci-un-bacio-catturato-in-un-immagine-del-film-275254_mid

L’idea al centro del film, ha rivelato d’altra parte il regista, è nata parlando con un suo amico che fa il volontario in una clinica simile a quella descritta sul grande schermo, più dalla conoscenza di un fotografo con la sindrome di Tourette, che ha dovuto specializzarsi anche in base a questa sua peculiarità. “Ciò che volevamo trasmettere – ha continuato Cecinelli – è che questo tipo di diversità sussiste più negli occhi di chi la vede che di chi la vive. Questi quattro ragazzi hanno sì le loro problematiche, ma anche la capacità di gestirle, o almeno molto più dei genitori che invece vedono solo le difficoltà e le loro possibili conseguenze per i figli”. Da qui anche l’idea di far incontrare tutti i personaggi in discoteca, dove gli adulti “arrivano preoccupati per i rispettivi ragazzi, ma si accorgono di essere loro i disadattati, mentre i figli hanno trovato un loro equilibrio e un modo per stare in quel luogo”.  I protagonisti del film, in fin dei conti “cercano solo uno spunto per superare le loro fobie, e l’amore è sicuramente uno dei più forti che si possano trovare in  qualsiasi circostanza”.

nessuno può fermarci poster

Niente può fermarci arriverà nelle sale italiane il 13 giugno, distribuito da 01 Distribution.

Clicca qui per andare alla fonte di questo articolo.

VN:F [1.9.7_1111]
Regia
Trama
Cast
Fotografia
Ritmo
Tensione
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Articoli correlati

Gli articoli di questa categoria non si possono commentare.

I miei Badges

Devi effettuare il login per vedere i premi vinti

Chi è Online

Al momento non ci sono utenti online

Polls


Vota il miglior film di AVVENTURA

Risultati

Loading ... Loading ...
giugno: 2013
L M M G V S D
« mag   lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930