I 10 migliori film di fantapolitica « Articoli « cineMania

I 10 migliori film di fantapolitica

VN:F [1.9.7_1111]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

In Viva la libertà, interpreta un politico e il suo fratello gemello. Non è la prima volta che la storia viene reinterpretata dal cinema, vediamo come è andata in passato.
Gli americani la chiamano alternative history, noi fantapolica, i fumetti What If. Si tratta delle ipotesi sul passato che si riverberano sul presente, creando realtà alternative, scenari inediti non futuri ma attuali.
Viva la libertà di , in sala da questa settimana, cerca di portare quest’idea di nuovo al cinema, non tanto nel senso della creazione di un nuovo scenario ma dell’illustrazione di un’altra possibilità nel nostro presente.
Il segretario del principale partito dell’opposizione(interpretato da Toni Servillo), uomo di sinistra e politico nel senso più dispregiativo del termine, fugge dalla vita politica in Francia e il resto del suo staff lo sostituisce con il gemello, affetto da depressione bipolare e nella vita professore di filosofia. Un filosofo matto alla guida di uno dei principali partiti del paese.
Andò immagina uno scenario impensabile e paradossale per raccontare quello che potrebbe essere e non è. Allo stesso modo la fantapolitica usa presupposti di finzione per creare nuove verità, scenari coerenti con la modifica di un piccolo elemento rispetto al mondo come lo conosciamo.
Ecco allora i nostri 10 migliori film di fantapolitica. Con ben tre italiani.

1.

E’ uno dei più recenti e più noti ma anche dei più innocui. De Niro e spin doctor per il presidente espongono tutte le tecniche più efficaci per deviare l’attenzione del pubblico e pilotarne il gradimento. Fattore di revisione della storia quasi zero.

2. Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto

prova ad immaginare cosa succederebbe se un commissario decidesse di indagare su se stesso e portasse allo scoperto le proprie malefatte. Sulla falsissima riga di Rapporto confidenziale di Welles, Petri orchestra l’impossibile soverchiamento della struttura istituzionale che si risolve in un incredibile nulla di fatto.

3.

interpreta un comico che si candida a presidente degli Stati Uniti e per un errore del sistema di calcolo dei voti vince. Rimarrà in carica poco tempo prima che venga scoperto l’arcano ma quanto è sufficiente per dare una sbirciata in una gestione poco ortodossa della cosa pubblica. Visionarietà bassa: alla fine tutto torna normale.

4.

Di nuovo Petri che immagina i capi politici dei partiti italiani ritirarsi per espiare i peccati di corruzione compiuti durante l’anno e nell’eremo progettare insieme la rifondazione del partito. I nomi non sono quelli ma gli elementi fanno e facevano capire che si parlava di Moro, Andreotti e tutta la classe politica dell’epoca, riunita in un’impensabile riunione che disegnava nuovi scenari. Fattore di revisione medio: le conclusioni non le vedremo applicate.

5.

La missione che dà il titolo al film dovrebbe riportare l’uomo su Marte per la prima volta, solo che per i tagli al budget i rischi sono troppo alti, meglio fingerla per non perdere la faccia. Tutto viene preparato per fare le finte immagini degli astronauti su Marte, solo che al ritorno sulla Terra la navicella ha un incidente e i tre astronauti che avevano simulato tutto rimanendo sulla Terra dovrebbero essere morti, dunque il governo per coprire l’accaduto decide di ucciderli. Parlare di un futuro prossimo per ammiccare al passato recente, negli anni ‘70 si proponeva lo scenario “L’uomo non è mai stato sulla Luna” negando un’eventuale missione su Marte.

6.

Nelle sequenze conclusive del film di si ipotizzano scenari di fine berlusconismo, risoluzione dei processi e reazioni della folla, si prova ad immaginare il futuro prossimo e a dipingere un quadro politico talmente probabile da essersi poi parzialmente verificato. Fattore di revisione: medio alto, aiutato dall’averci preso.

7. Iron Sky

Il pessimo film di aveva di buono lo spunto. Il nazismo non è mai finito, si è solo spostato sulla Luna e ora è pronto a tornare. Se questa però è la parte di fantascienza, quella di fantapolitica, stava tutta nell’immaginare il presidente degli Stati Uniti Sarah Palin e le dirette conseguenze di ciò.

8.

Per una questione di immigrati accolti e spediti nell’Idaho da un presidente assetato di voti, lo stato in questione si ribella dando il via ad una guerra civile e separazionista scandita dai tempi delle televisioni e dei telegiornali che devono dargli spazio. Fattore revisione: alto, se accadesse andrebbe così.

9.

Nel 1984 l’immenso John Milius immaginava che nel 1989 la guerra fredda sarebbe diventata calda per un’alleanza del nemico per eccellenza, i russi, con cubani e nicaraguensi. Da lì l’invasione del territorio americano e la vera e propria guerriglia tra le montagne. Fantapolitica ai massimi livelli. C’erano sia Patrick Swayze che Kurt Russell, è in fase di produzione un remake.

10.

La Germania ha vinto la seconda guerra mondiale e nel 1964, con ancora Hitler a capo, è in guerra fredda con gli Stati Uniti. E’ il padre di tutti, assieme a La svastica sul sole, solo che questo racconto di fantapolitica ha avuto anche un adattamento televisivo con Rutger Hauer.

Fonte:
http://daily.wired.it/news/media/2013/02/15/cosa-succederebbe-se-i-10-migliori-film-di-fantapolitica.html

 Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

VN:F [1.9.7_1111]
Regia
Trama
Cast
Fotografia
Ritmo
Tensione
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Articoli correlati

Lascia un Commento

I miei Badges

Devi effettuare il login per vedere i premi vinti

Chi è Online

Al momento non ci sono utenti online

Polls


Vota il miglior film CATASTROFICO

Risultati

Loading ... Loading ...
febbraio: 2013
L M M G V S D
« gen   mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728