Die Hard – Un buongiorno per morire « Gallery « cineMania

Die Hard – Un buongiorno per morire

VN:F [1.9.7_1111]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

[A Good Day to Die Hard, USA 2013, Azione, durata 99'] Regia di
Con , , , , , , , , , , ,

L’agente John McClane (Bruce Willis) si ritrova costretto ad andare fino in Russia per aiutare il figlio Jack (Jai Courtney), con cui i rapporti si sono raffreddati nel corso degli anni e rimasto coinvolto in un increscioso episodio, e il russo Komorov (Sebastian Koch), a cui la malavita russa dà la caccia per essere un informatore del governo. Poiché l’intero assetto democratico del mondo rischia di essere minato dalla minaccia di un colpo di stato, i McClane si ritrovano ad agire fianco a fianco e a guardarsi le spalle l’uno con l’altro, scoprendo che sono imbattibili in coppia.

VN:F [1.9.7_1111]
Regia
Trama
Cast
Fotografia
Ritmo
Tensione
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Articoli correlati

Una recensione su Die Hard – Un buongiorno per morire

  • Avatar di cineMania
    cineMania scrive:

    Ini­zia­re un film con un black-screen e una voce fuo­ri­cam­po di so­li­to è un se­gna­le che ci dice che si vuole es­se­re seri in quel­lo che si sta per mo­stra­re. Que­sto film ov­via­men­te è l’ec­ce­zio­ne alla re­go­la in quan­to tro­via­mo una dose ve­ra­men­te trop­po ele­va­ta di ri­di­co­lag­gi­ne. Dopo una prima parte lun­ghis­si­ma, dove si mo­stra un in­se­gui­men­to tra ca­mion per le stra­de di Mosca gi­ra­to con gli stan­dard sco­la­sti­ci clas­si­ci hol­ly­woo­dia­ni, pas­sia­mo a un con­ti­nuo scam­bio di bat­tu­te ri­si­bi­li tra padre e fi­glio che nuoc­cio­no alla già scar­sa cre­di­bi­li­tà del film. Non dico che un buon ac­tion movie non debba avere anche dei mo­men­ti co­mi­ci, ma dis­se­mi­nar­li in tutto il film solo per­ché nei primi epi­so­di della saga era così im­po­sta­to mi pare più un ten­ta­ti­vo di im­bam­bo­la­re lo spet­ta­to­re odier­no con qual­che finto truc­co ci­ta­zio­ni­sta post­mo­der­no che però ha il ri­sul­ta­to op­po­sto di esa­spe­rar­lo. Nien­te di di­ver­so dal panem et cir­cen­ses. Gli ef­fet­ti spe­cia­li sono sem­pre uti­liz­za­ti pre­va­len­te­men­te nelle esplo­sio­ni e negli scon­tri che sa­tu­ra­no com­ple­ta­men­te il film la­scian­do al per­so­nag­gio in­ter­pre­ta­to da Bruce Wil­lis una re­ci­ta­zio­ne in pro­sce­nio, per usare una me­ta­fo­ra tea­tra­le. Del resto non si può scor­po­ra­re l’i­co­na di Die Hard che è, e ri­mar­rà sem­pre, John Mc­Cla­ne sep­pu­re sem­pre più in­vec­chia­to. È un po’ quel­lo che è suc­ces­so nell’ ul­ti­mo In­dia­na Jones con Har­ri­son Ford sem­pre più de­ci­so a ri­ma­ne­re l’u­ni­co ed ini­mi­ta­bi­le Indy. Die Hard 5 è del resto un film fra­cas­so­ne, il cui unico in­ten­to è quel­lo di in­trat­te­ne­re alla vec­chia ma­nie­ra di un B-mo­vie stile anni 90, men­tre i primi film della saga ave­va­no uno svi­lup­po della trama si­cu­ra­men­te meno fret­to­lo­so di que­sto ca­pi­to­lo. Ormai in­fet­ta­ta dal morbo se­ria­le la saga di Die Hard non ha nes­su­na in­ten­zio­ne di dire la pa­ro­la “fine” e quin­di con­ti­nua a au­to­ri­ge­ne­rar­si sem­pre più de­bo­le a li­vel­lo sia di sce­neg­gia­tu­ra sia di regia. Perde colpi a di­spet­to di quel­lo che Wil­lis vuole farci cre­de­re di­chia­ran­do: “ Quan­to mi piace sfa­scia­re tutto”. Penso che anche film d’a­zio­ne come Die Hard, ab­bia­mo un loro va­lo­re come pro­dot­ti cul­tu­ra­li, ma solo se ven­go­no le­ga­ti a delle belle nar­ra­zio­ni e a delle sto­rie che por­ti­no anche un po’ di ori­gi­na­li­tà al­tri­men­ti si ri­schia di ri­dur­re que­sto ge­ne­re a un giro di mon­ta­gne russe, esal­tan­te nell’ im­me­dia­to per pa­la­ti fa­ci­li, ma non du­ra­tu­ro nel tempo. Quel­lo che rende Die Hard 5 un film me­dio­cre non è il fatto che è un film d’a­zio­ne, ma che è un film d’a­zio­ne con poche pre­te­se nato da una saga che com­pie ven­ti­cin­que anni e dalla quale ci si aspet­ta­va de­ci­sa­men­te di più.

    (di Alessio Colangelo)

    Fonte:
    http://www.storiadeifilm.it/thriller/azione/john_moore-die_hard_un_buon_giorno_per_morire%28dune_entertainment_origo_film_group_twentieth_century_fox_film_corporation-2013%29.html

    Questo testo è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate sa http://www.storiadeifilm.it

Lascia un Commento

I miei Badges

Devi effettuare il login per vedere i premi vinti

Chi è Online

Al momento non ci sono utenti online

Polls


Vota il miglior film di AVVENTURA

Risultati

Loading ... Loading ...
febbraio: 2013
L M M G V S D
« gen   mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728