Tutti al mare « Compra Dvd « cineMania

Tutti al mare

VN:F [1.9.7_1111]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

[ Italia, 2011, Commedia]
Regia di
Con , , , , , , , , ,

Ogni mattina, spingendo la carrozzella di sua madre, Maurizio percorre la passerella di legno che attraversa la macchia e lo porta all’entrata del suo chiosco sulla spiaggia. Dopo essersi assicurato che i suoi inservienti, Khaled e Omar, abbiano fatto un buon lavoro, va a issare la bandiera italiana, che svetta in cima alla costruzione. È tutto pronto, si aspettano i primi clienti…

Ed eccola arrivare, l’Italia. Passa tutta per quel chioschetto, gente che entra e che esce e che viene a godersi il meritato riposo domenicale. C’è chi ci capita per caso, c’è chi ci viene ogni anno, c’è chi giura che è l’ultima volta. Il deus ex machina del chiosco è Maurizio, il proprietario, il quale, con tutto il suo daffare, deve anche accudire la madre, una vecchia arcigna e capricciosa, bloccata sulla sedia a rotelle, che lo comanda a bacchetta. Fonte principale del suo guadagno è il pesce “fresco”. Ogni mattina Maurizio tira giù dal furgone merluzzi, sogliole e frutti di mare surgelati, che carica sulla barchetta di un suo amico, il quale prende subito il largo per tornare solo più tardi, facendo credere così di averli appena pescati. I camerieri, lo sguattero e la cuoca sono i suoi sacerdoti.
Suo acerrimo nemico è un topo che il gatto non riesce ad acchiappare… Al chioschetto si beve, si mangia, ci si cambia, si fanno due chiacchiere con gli sconosciuti, si ammirano le belle ragazze, si sogna, ci si arrabbia, si fanno i conti con la vita. Oppure niente, si sta lì, in panciolle, a godersela. Si viene per passare una bella giornata. S’affitta uno spogliatoio, si affittano ombrelloni e sdraio, nel prezzo sono compresi anche colazione e pranzo. È un via vai di gente che si scotta al sole, uomini, donne e strane creature… E il chiosco di Maurizio si trasforma in un palcoscenico di varia umanità. ! Ma ecco che arriva la sera, il chiosco si svuota e si trasforma, come un serpente che cambia pelle. Il chioschetto “Da Maurizio” si tramuta in un ristorante di classe, alla francese. Arrivano clienti di tutt’altra pasta: signori eleganti e dame ingioiellate in limousine. Un pianista rallegra l’atmosfera parigina che, tra champagne, sole meunière e profiterol, tutto dimentica, tutto spazza via…

“Oltre trent’anni dopo “Casotto”, il produttore del film, Gianfranco Piccioli, è tornato da mio padre (autore della sceneggiatura) con la folle idea di rimettere in piedi un progetto che già allora era sembrato una pazzia: girare un film corale, in una sola e piccola location, cercando di coinvolgere un cast stellare. Un film fatto solo di piccole e grandi apparizioni, di camei. Pazzia che Sergio Citti riuscì miracolosamente e con successo a mutare in realtà, inventando un film basato su niente, tutto consumato in una sola stanza di pochi metri quadrati”.

Fonte: Primissima/BestMovie/FilmTV

VN:F [1.9.7_1111]
Regia
Trama
Cast
Fotografia
Ritmo
Tensione
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Articoli correlati

Lascia un Commento

I miei Badges

Devi effettuare il login per vedere i premi vinti

Chi è Online

Al momento non ci sono utenti online

Polls


Vota il miglior film BIOGRAFICO

Risultati

Loading ... Loading ...
marzo: 2011
L M M G V S D
« feb   giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031